Home » Giugliano. Un testo e 5 eventi per menzionare Don sicuro Russo verso 21 anni dalla sua dipartita

Giugliano. Un testo e 5 eventi per menzionare Don sicuro Russo verso 21 anni dalla sua dipartita

Il delirio e la promessa di Don spigliato, il 4 luglio 1967, al originario fervore di campo accosto la sacrario dei Morti: «Dovesse in nessun caso seguire perche gli Scouts di Giugliano non avessero un prossimo casa luogo riunirsi, qui, ai piedi del venerato audacia, troveranno il loro posto».

brightwomen.net clicca qui per saperne di piГ№

Un registro in citare il ecclesiastico Don Francesco Saverio Russo, da tutti riconosciuto per mezzo di il nome corto di Don aperto, nella evento del ventesimo ricorrenza della sua trapasso, giacche lo sorprese all’eta di sessantuno anni, finalmente debilitato ed affaticato dal conveniente iperattivismo pastorale, il 1° luglio del 2000, intanto che si preparava a contrarre la celebrazione liturgica della Vergine delle ringraziamenti, che egli aveva voluto unire alla titolarita della gruppo di San Giovanni per ambito per mezzo di l’elezione verso rifugio Mariano.

Ma il ventennale della sua dipartita doveva celebrarsi un anno fa, mentre si eta ipotizzato che potesse alla fine decrescere la ripresa del epidemia da Covid-19, affinche precisamente attraverso due mesi, in febbraio/marzo, ci aveva costretti verso durare tutti isolati per casa, ad rilevare la ancora rigida ritiro. La oculatezza, ulteriormente, suggerita dall’emanazione di altre ordinanze restrittive a grado azzurri, avevano impedito perche la celebrazione commemorativa durante Don Franco si potesse approvare alla datazione appunto programmata del 1° luglio, rinviando almeno ed la pubblicazione del tomo, alla stesura del che si eta dedicata, con primis, la Prof.ssa Clotilde Esposito, figlio del fratello di Don onesto, con il conforto risolutivo di Don Vincenzo Marfisa, affinche dal mese di gennaio 2019 e il reggente della costituita originalita comunita religiosa tregua santo sentimento, di avvenimento aggregata alla cosiddetta prima edicola dei Morti, luogo il avveduto (e, durante altri, visionario) Don Francesco Saverio Russo aveva risoluto di eleggere un centro di aggregamento comune culturale e suora in le future nuove generazioni dei giovani, ragazzi e adolescenti, all’educazione dei quali aveva avviato a darsi precedentemente attualmente di abitare sancito Sacerdote, riportando verso Giugliano il grano dello Scoutismo in precedenza negli ultimi mesi 1961, mentre aveva esiguamente oltre a di ventidue anni. E nel 1964 comincio a riorganizzare, motu particolare, ovvero a proprie spese, la oratorio dei Morti, perche egli uguale avrebbe riconvertita mediante tempietto pausa venerato sentimento, sollecitando successivamente l’Amministrazione municipale per qualificare almeno la strada circostante.

Il miraggio di Don spigliato si va da ultimo a fare la ove egli aveva aderente il conveniente percorso arcadico mediante i ragazzi, qualora il 4 giugno 1967 aveva solennemente creato il Gruppo Scout Giugliano 1°, facendo intromettersi il sporgenza Scout interno dell’ASCI, liberatore Salvatori, ed apponendo la modello metallica del Giglio Scout sul cancelletto della oratorio, dietro aver pronunziato questa aforisma memorabile intorno al anteriore eccitazione di campo: «Dovesse giammai accadere che gli Scouts di Giugliano non avessero un altro citta in cui riunirsi, in questo luogo, ai piedi del ieratico Cuore, troveranno il loro posto».

All’Oasi Sacro centro si va, dunque, a realizzare un ambizione, una avviso, il delirio di un contemplativo, ed il libro cosicche si andra a offrire nei prossimi giorni, e indi attualmente nel corso di il mese di settembre, e, non a fatto, intitolato ‘‘Don aperto Russo e il delirio condiviso’’.

Saranno cinque gli incontri insieme le diverse realta sociali culturali e religiose di Giugliano, perche hanno voluto fissare Don Vincenzo Marfisa e la Prof.ssa Clotilde Esposito.

Il iniziale coincidenza si terra giovedi 1° luglio, alle ore 20, dappresso la fedeli Maria SS.ma delle gratitudine, ove Don aperto e situazione preposto in ventotto anni, dal 1972 al 2000, sul argomento ‘‘Organizzatore della illusione per espediente alla gente’’, al che parteciperanno – fra gli altri – il preposto (quasi con lo stesso nome) Don Francesco Russo, il sostituto Episciopale in il Clero della Diocesi di Aversa, Don Vincenzo Marfisa, il prete di San Marco, Don Leonardo accigliato, l’On. Prof. Antonio Iodice, il dottore fiscalista Giandomenico Pirozzi. A regolare l’incontro l’insegnante Rosa gloria e l’avvocato Antonio Peluso

Il aiutante coincidenza si terra sabato 3 luglio, alle ore 20, all’aperto, nello largo della costituita circoscrizione ecclesiastica tregua Sacro sentimento, per esprimere la vocazione di Don onesto modo fondatore di diversi Gruppi Scout, sul timore ‘‘Educatore dei giovani alla corrispondenza nelle promesse’’.

Gli altri tre incontri, mediante diverse tematiche, sono stati programmati a causa di venerdi 10, sabato 18 e giovedi 30 settembre, presso il simposio Arcivescovile di Aversa, nella oratorio Collegiata di Santa Sofia e accosto la circoscrizione ecclesiastica di San Luca, per Varcaturo, ove e spettatore il estraneo Gruppo Scout abitante.

Segnaliamo, attraverso l’imminenza degli eventi, i primi due, scopo il 1° luglio ricorre il 21° commemorazione annuale della fine di Don spigliato, e fine, il 3 luglio, accanto l’antica tabernacolo dei Morti (sorgente nel deserto ieratico sentimento) si e voluto privilegiare la scopo educativa del adolescente cappellano esercitata nella assiduita alle scelte ecclesiali ed ai principi della formazione del educato obliquamente la sistema dello Scoutismo, provato che manovra eccezionale nel 1907 dal superficiale inglese Sir Robert Stephenson Smyth Baden-Powell of Gilwell.